Pasta risottata con zafferano, speck e philadelphia

La Pasta risottata con zafferano, speck e philadelphia è un primo piatto davvero delizioso che richiede pochissimo tempo per la sua preparazione. Il nome di questa ricetta si riferisce al suo metodo di cottura simile a quella di un risotto: viene cotta in pentola insieme a tutti gli altri ingredienti.


In questo modo la pasta trattiene l’amido e si lega al condimento creando un piatto dalla consistenza cremosa e morbida. Essendo trattata come un risotto, la cottura deve avvenire lentamente, aggiungendo il brodo di cottura pian piano ed evitando che la pasta si attacchi e si scuocia.

Per la preparazione del brodo vegetale prediligete ovviamente quello preparato in casa, ma all’occorrenza vi suggerisco di provare ” BIOSUN” S.MARTINO, un prodotto:
– biologico
– senza olio di palma
– senza glutine
– con curcuma.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di pasta
  • 100 g di speck a dadini
  • 120 g di philadelphia
  • 1 bustina di zafferano
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • 1 cipolla fresca
  • brodo vegetale q.b.
  • olio evo q.b.
  • pepe q.b.
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Per prima cosa tritate la cipolla e mettetela in una padella capiente con un filo di olio evo. Aggiungete lo speck tagliato a dadini e fate rosolare.

A questo punto mescolate il philadelphia e lo zafferano e fateli sciogliere. Versate la pasta in padella.

Ricopritela con il brodo vegetale caldo e portate a cottura mescolando continuamente ed aggiungendo qualche mestolo di brodo all’occorrenza. Il brodo si dovrà assorbire completamente.

A cottura ultimata salate, pepate e mantecate con il formaggio grattugiato.

Servite calda e gustate questa buonissima Pasta risottata con zafferano, speck e philadelphia.

Pasta cinque buchi al ragù

La ricetta di oggi (Pasta cinque buchi al ragù) prevede l’uso di un formato di pasta della tradizione siciliana, specialmente del periodo di Carnevale.

Cinque buchi, quattro fori laterali accanto ad un foro centrale che si riempie di  condimento per donare un sapore casereccio. Questa pasta regge benissimo la cottura per cui rimane bella al dente. In più, trattiene il sugo per cui avrà un sapore fantastico.

Nella mia famiglia, fin da piccola, si suole cucinare la pasta ” CINCU PUTTUSA “, così la si chiama a Catania e provincia, la domenica principale di Carnevale, nonché il martedì e giovedì grasso.

L’unica cosa su cui non si può lesinare deve essere il sugo: abbondante, rosso e soprattutto di carne. La ricetta tradizionale prevede un sugo più grasso, appunto con utilizzo di carne più grassa come quella di maiale, per esempio. Io ho deciso di prepararla al ragù. Vediamo insieme come realizzarla.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di pasta cinque buchi
  • ragù di carne

PROCEDIMENTO

Per la preparazione del ragù puoi seguire la mia ricetta. La trovi cliccando qui.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e, quando sarà al dente, scolatela e condite i Cinque buchi con il ragù di carne.

Se preferite, cospargete con una bella manciata di grana grattugiato e gustatela calda.

 

La Pasta cinque buchi al ragù delizierà il vostro palato!

Mezze maniche rigate integrali con crema di fagioli borlotti e biete

Le mezze maniche rigate integrali con crema di fagioli borlotti e biete sono un primo piatto salutare ma al tempo stesso goloso. Ricco di fibre e proteine è la ricetta perfetta per chi segue una dieta priva di grassi.

Può essere considerato un piatto unico per la presenza di carboidrati, verdure e proteine. Vedrete che anche i vostri bimbi le mangeranno volentieri. Per la preparazione dei fagioli ho usato quelli freschi: sono solita fare scorta di qualsiasi legume durante la stagione e congelarli porzionati. In questo modo, posso benissimo usarli all’occorrenza.

In alternativa, potete benissimo usare i fagioli secchi, dovutamente messi a bagno almeno per 8 ore. Vediamo insieme come preparare questo buonissimo piatto.

 

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di mezze maniche rigate integrali
  • 300 g di fagioli
  • sedano
  • carota
  • cipolla
  • 1 cucchiaio di doppio concentrato di pomodoro
  • 200 g di biete
  • 1 foglia di alloro
  • sale q.b.
  • olio evo q.b.

PROCEDIMENTO

Mettete in una pentola i fagioli, con sedano, carota e cipolla tritati. Aggiungete il doppio concentrato di pomodoro e una foglia di alloro che aiuterà i fagioli ad essere più digeribili. Ricoprite di acqua e cuocete per circa 1 ora o a seconda di che tipo di fagioli usate. Io ho usato quelli freschi.

Per quelli secchi occorrerà un po’ di tempo in più. Ovviamente badate ad ammollarli per circa 8 ore prima di cuocerli.

Nel frattempo pulite e lavate le biete. Sbollentatele in acqua salata. Eliminate l’acqua in eccesso e mettetene una parte nel mixer insieme ai fagioli, dopo aver eliminato la foglia di alloro. Tritate il tutto con un mixer.

Aggiungete un filo di olio evo a crudo e le rimanenti biete tritate.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nella padella nella quale avrete messo la crema di fagioli e biete. Finite la cottura della pasta, aiutandovi con qualche mestolo di acqua di cottura, aggiustate di sale e servite.

Mezze penne alla crema di stracchino e zafferano con dadolata di pancetta

Avete voglia di un primo piatto che soddisfi pienamente il vostro palato? Allora questa ricetta fa proprio per voi!

 

Le mezze penne alla crema di stracchino e zafferano con dadolata di pancetta sono una ricetta veloce da preparare in pochi minuti. Occorreranno solo pochi ingredienti: zafferano, stracchino, pancetta e latte.

Questo piatto ha un sapore molto delicato e, se volete farlo mangiare anche ai vostri bimbi, potete sostituire la pancetta con il prosciutto cotto.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di mezze penne rigate
  • 100 gr di stracchino
  • 150 gr di pancetta
  • 2 bicchieri di latte
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 manciata di grana grattugiato
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Per prima cosa fate rosolare la pancetta. Io ho usato quella affumicata, ma potete usare benissimo quella dolce. Non occorrerà aggiungere olio o burro, poiché essa stessa rilascerà e si cuocerà nel suo grasso. Tenetela da parte.

In un wok versate il latte e fatelo scaldare, aggiungete la bustina di zafferano e lo stracchino Amalgamate il tutto e salate.

Fate mantecare la pasta, che nel frattempo avrete fatto cuocere in abbondante acqua salata, insieme alla crema di stracchino e zafferano. Aggiungete una manciata di grana grattugiato.

Se la pasta risultasse troppo asciutta aggiustare con qualche mestolo di acqua di cottura della pasta. Impiattate e servite con la pancetta e una manciata di pepe. Servite e consumate calda.

Paccheri ai due ripieni

I paccheri ai due ripieni sono un primo piatto molto molto prelibato che delizierà tutti indistintamente. Il primo ripieno è un classico, ricotta e spinaci, il secondo prosciutto cotto e formaggio.

Ovviamente, non può mancare il tocco di besciamella, meglio se fatta in casa con ingredienti genuini e molto più leggera. Provateli e postate le vostre foto.

Ingredienti per 4 persone

  • 500gr di paccheri
  • 500 gr di spinaci
  • 250 gr di ricotta
  • 150 gr di prosciutto cotto
  • 200 gr di formaggio a dadini
  • 500 ml di besciamella
  • parmigiano grattugiato
  • noce moscata q.b.
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Pulite e lavate gli spinaci e fateli sbollentare per circa 15 minuti in acqua salata. Scolateli e strizzateli per bene. Tagliuzzateli finemente.

Metteteli in una ciotola con la ricotta, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e di noce moscata. Amalgamate il composto per bene.

Aggiungete qualche cucchiaio di besciamella. Mescolate il tutto.

 

Tagliate il formaggio a dadini ed il prosciutto ( va bene anche se è affettato ). Tenete da parte.

Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata, facendo attenzione a scolarla ancora al dente.

Con l’aiuto di un cucchiaino riempite 250 gr di paccheri con la crema di ricotta e spinaci e la rimanente parte con prosciutto e formaggio, facendo attenzione ad adagiarli ben stretti e con il condimento rivolto verso l’alto su una pirofila sporcata di besciamella.

Ricoprite i paccheri con la restante besciamella e parmigiano grattugiato.

 

Infornate a 180 ° per circa 20 minuti, finché si forma una leggera crosticina dorata sulla loro superficie.

Penne al tonno e pomodorini

Le penne al tonno e pomodorini sono un piatto pratico da preparare in pochissimo tempo quando magari, dopo una lunga e faticosa giornata lavorativa, non si ha molto voglia di cucinare e si vorrebbe mangiare ugualmente un primo sfizioso.

Bastano pochi ingredienti ed il gioco è fatto! Ci sono varie versioni del piatto, ma questo senza dubbio vi delizierà.


Dosi per 4 persone

  • 320 gr di penne rigate
  • 3 scatolette di tonno al naturale da 80 gr ciascuno
  • 8 pomodorini
  • mezza cipolla rossa
  • prezzemolo tritato q.b.
  • circa mezzo bicchiere di olio evo  ( sarà il condimento per la nostra pasta )
  • pepe q.b.
  • sale q.b.
  • 2 cucchiaini di succo di limone

PROCEDIMENTO

In un pentolino versate olio evo e la cipolla tritata. Fatela imbiondire leggermente ed aggiungete i pomodorini tagliati a pezzetti. Lasciate cuocere per circa 10 minuti ed aggiungete il tonno sgocciolato.

Lasciate cuocere per ulteriori 10 minuti mescolando continuamente. Salate, aggiungete il prezzemolo tritato ed il succo di limone.

A questo punto cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e conditela con il condimento preparato in precedenza e con una manciata di pepe.

Pasta con bietole e olive

Un piatto sicuramente salutare e molto apprezzato in tavola è la pasta con bietole ed olive. Adatto a tutti, soprattutto ai bambini, è un primo ricco di vitamine e fibre.


È poco calorico, quindi si presta ad essere consumato benissimo da quanti seguono una dieta povera di grassi.

Dosi per 4 persone

  • 320 gr di pasta
  • 3 – 4 mazzi di bietole
  • 12 olive
  • 2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro
  • 1/2 cipolla
  • olio evo q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • sale q.b.
  • peperoncino ( se lo gradite)

PROCEDIMENTO

Pulite e lavate le bietole, riducetele in parti più piccole e fatele cuocere in padella con un pochino di acqua. A cottura ultimata, eliminate l’acqua in eccesso, aggiungete la cipolla tritata, il doppio concentrato di pomodoro e le olive tritate.

Fate cuocere per 10 minuti, salate e aggiungete l’olio a crudo ( un pochino in più del solito visto che servirà per amalgamare la pasta ).

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e, quasi a fine cottura, conditela con le verdure, mantecandola sul fuoco a fiamma bassa, aggiungendo qualche mestolo di acqua di cottura della pasta all’occorrenza.

Impiattate e servite con una spolverata di parmigiano grattugiato.

Pasta per pizza

Ci sono molte versioni della base per pizza fatta in casa, ma questa è sicuramente una ricetta con una percentuale di lievito molto bassa e quindi molto più digeribile.


Potete scegliere se impastare a mano o con la planetaria. Io ho usato l’impastatrice ed utilizzato il gancio. Provatela e dateci le vostre opinioni in merito!

Siete pronti? Andiamo ad impastare!

Dosi per 2 teglie 40 cm x 30 cm

  • 300 gr di farina 00
  • 200 gr di farina manitoba
  • 300 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 35 ml di olio evo
  • 10 g di sale
  • 5 gr di lievito di birra

PROCEDIMENTO

Per prima cosa fate sciogliere il lievito nell’acqua a temperatura ambiente. Versate le farine in una ciotola ed iniziate ad impastare versando l’acqua a filo. Aggiungete il sale ed infine l’olio. Impastate il tutto.

Trasferite il composto su un piano di lavoro ed impastate a mano fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Ponetelo in una ciotola coperto con la pellicola e fatelo lievitare in forno con la luce accesa per circa 3 ore.

Riprendete l’impasto, dividetelo in 2 parti e, aiutandovi con un filo di olio evo, stendetelo sulle 2 teglie. Lasciate riposare per altri 20 minuti. Condite come meglio preferite e fate cuocere in forno preriscaldato a 180 ° per circa 30 minuti.

https://www.amazon.it/gp/product/B07JM5QVGF/ref=as_li_tl?ie=UTF8&tag=cucinare02-21&camp=3414&creative=21718&linkCode=as2&creativeASIN=B07JM5QVGF&linkId=abc0e80e9e94b467e9884a53a08a9a8c

 

Pasta con le alici alla catanese

Questa versione della pasta con le alici è prettamente catanese. Questa ricetta appartiene ad una tradizione popolare molto antica ed è espressione di un piatto molto povero, ma senza dubbio saporito.


Il pangrattato tostato ed il finocchietto selvatico conferiscono al piatto un sapore unico. Altri ingredienti che non devono mancare sono i pinoli e l’uvetta.

Dosi per 4 persone

  • 320 gr di pasta
  • 400 gr di alici spinate
  • passata di pomodoro
  • doppio concentrato di pomodoro
  • piselli q.b.
  • pinoli q.b.
  • uvetta q.b.
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico
  • 100 gr. di pangrattato
  • 1/2 cipolla
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
  • prezzemolo q.b. ( in questa ricetta io non l’ho usato )

PROCEDIMENTO

Per prima cosa lavate e scaldate il finocchietto selvatico. Prendete una padella e fate soffriggere la cipolla tritata, aggiungete i pinoli e l’uvetta fatta rinvenire in acqua tiepida e strizzata per bene. Fate dorare qualche minuto ed aggiungete la passata di pomodoro, il doppio concentrato, i piselli ed il finocchietto selvatico strizzato e sminuzzato grossolanamente.

Fate cuocere per circa 20 minuti.

Lavate per bene le alici ed eliminate coda e lische. Aggiungetele al pomodoro e lasciate cuocere per altri 20 minuti a fiamma bassa. Salate e irrorate con un buon olio evo.

Preparate il pangrattato tostato: versatelo in una padella con un filo di olio  e lasciate andare per qualche minuto mescolandolo continuamente fino a quando non si sarà  dorato.

Lessate la pasta, scolatela e conditela con il sugo. Impiattate e servite con una spolverata di pangrattato e prezzemolo tritato.

Insalata di pasta light

Insalata di pasta light

Oggi non avevo proprio voglia di passare ore dietro ai fornelli, così mi sono chiesta se ci fosse una primo che potesse essere super veloce e senza bisogno di cuocere gli ingredienti per condirlo. Ebbene, ho pensato ad un’insalata di pasta light ma super buona. Vediamola insieme!

Dosi per 6 persone

  • 480 gr di fusilli
  • 16 pomodorini pachino
  • 3 scatolette di tonno sott’olio
  • olive bianche a piacere
  • 200 gr di provola a cubetti
  • qualche foglia di basilico
  • olio evo per condirla
  • sale q.b.

PROCEDIMENTO

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela ed aggiungete un filo di olio evo in modo che non si attacchi. Lasciatela raffreddare.


Nel frattempo preparate il condimento: lavate e tagliate i pomodorini eliminando i semi, tagliate le olive bianche e la provola, aggiungete il tonno privato del suo olio in eccesso e il basilico. Condite la pasta con gli ingredienti che avrete messo in una capiente ciotola e versate olio evo a piacere. Mescolate per bene e lasciate raffreddare in frigo o, se preferite, potete gustarla anche tiepida.

Buon appetito!